Il sound della Generazione X

Il  grunge o Seattle sound, è un movimento musicale nato principalmente  dall’isolamento della città di Seattle da altre scene musicali, in una evoluzione che inizia a muovere i primi passi agli inizi degli anni ottanta.
Jonathan Poneman e Bruce Pavitt, fondatori dell’etichetta indipendente Sub Pop, che ha avuto il merito di produrre la totalità dei primi dischi definitisuccessivamente grunge, hanno rispettivamente affermato:

“Seattle è stato il perfetto esempio di una città secondaria con una scena musicale attiva
completamente ignorata dall’America, concentrata su Los Angeles e New York”

“Seattle … città operai … un luogo di ‘deprivazione’ … abiti da lavoro, cappelli, camionisti … insomma non era solo uno stile, ma uno stato di fatto … era molto povera.”

” …  quando Nevermind ha raggiunto il numero uno nelle classifiche statunitensi, Cobain viveva nella sua automobile “.

Nel 1984 le band di Seattle cominciarono a mescolare metal e punk facendo crescere una scena musicale varia e dalle diverse personalità urbane.
I The Fartz , i The U-Men  e i 10 Minute Warning sono espressione dei gruppi post-punk garage locali e sono ispirati in parte ideologicamente al hardcore punk americano degli anni ottanta.

u-men.jpg
The U-Men

Le band grunge saranno influenzate dai Melvins con il loro stile lento e pesante, uno “sludge style” che sottolineerà quella purezza e autenticità dello stile di Seattle.
Anche i gruppi della scena rock alternativa degli Stati Uniti ispireranno lo stile grunge come i  Sonic Youth, i Pixies, i Pavement  o Dinosaur Jr. e ne accentueranno gli atteggiamenti indipendenti,  ma anche  gruppi del panorama “Noise Rock” e “Punk Rock” daranno quella spinta grezza e distorta alla musica di Seattle.

the-melvins-1410876954-view-3.jpg
Melvins

L’influenza dei Pixies sui Nirvana è stata così forte che Kurt Cobain in un’intervista a firma David Fricke sulla rivista Rolling Stone del 27 gennaio 1994 commenta così: “Ero così collegato con quella band che avrei dovuto farne parte o al massimo essere una cover band dei Pixies. Abbiamo usato il loro senso della dinamica, quel suono morbido e tranquillo, ma allo stesso tempo forte e duro “.

Ulteriore ispirazione deriva dal heavy metal dei primi anni settanta.

Clinton Heylin, autore di “Babylon’s Burning:  From Punk to Grunge” cita i Black Sabbath come ispiratori, ma si avverte anche l’influenza dei Led Zeppelin nel lavoro dei Soundgarden.

Black Sabbath.jpg
Black Sabbath

Jon Wiederhorn di Guitar World ha scritto:

“Che Cosa è esattamente il grunge?
Immaginate un super gruppo composto dai Creedence Clearwater Revival , i Black Sabbath e gli Stooges e forse ci si avvicina abbastanza”.

Il Grunge era uno stile, uno stato, un modo di essere che avrebbe permesso a chiunque di formare una band, una commistione di stili che ha unito in modo quasi unico nel panorama musicale del tempo delle persone unite da radici comuni e da commistioni prive di rivalità, un esempio sono stati i Temple Of The Dog che ha riunito artisti come Eddie Vedder o Chris Cornelli che hanno dato i natali a gruppi come i Pearl Jam e i Soundgarden.

Ma per capire a fondo lo sviluppo del grunge bisogna capire anche il periodo storico in cui si è sviluppato questo movimento.

L’età d’oro della scena grunge di Seattle passa dal fallimento dei giovani americani che compongono queste band, giovani che nella disillusione e nella mancanza di motivazioni che li pervade in quel  periodo  abbracciano i vizi più per pigrizia che per convinzione e che vedono nella musica un rifugio al male di vivere.
Tilney Hunter sulle pagine del Financial Times,  nell’articolo “What Kurt Cobain teaches us about the American way of failure“, evidenzia come “Smells Like Teen Spirit”1 racchiuda il pensiero e il manifesto di questo movimento e di una generazione bollata come fannullona, perdente e nichilista, con il rifiuto dei valori della generazione precedente e che abbracciano il ‘culto del perdente’.
Viene così delineata la Generazione X e il grunge e i Nirvana ne sono il  manifesto.

nirvana.jpg
Nirvana

Nel 1991 esce anche Ten, il primo album dei Pearl Jam che li porta alla ribalta a livello planetario, presentando un grunge più rock e meno nichilista rispetto all’intimismo dei Nirvana.

Pearl Jam.jpg
Pearl Jam

Approdando poi nel 1992 agli Alice in Chains che del grunge rappresentano l’anima più cupa, oscura e depressa, con tratti metal.
Il grunge ormai è entrato di diritto nella cultura rock mondiale e vede nel 1992 l’uscita del film Single dove collaborano molti musicisti sia a livello musicale che come attori/comparse e che rappresenta in modo chiaro lo spirito grunge del tempo.

Single.jpg
Una scena del film “Single”
A sinistra Brdiget Fonda e a destra Matt Dillon

Per una serie di fattori alla fine del 1993 comincia il declino del movimento.
Il grunge e la generazione che li componevano erano contro gli ideali del mainstream protestando contro l’establishment politico e culturale del momento, palesa l’ipocrisia di un movimento anti mainstream che diventa mainstream, con un Cobain che mormora nella sua  “Serve the Servants”1:

“Teenage angst has paid off well
Now I’m bored and old”
Queste poche parole racchiudono la fine.
Nel 1994 con il suicidio di Kurt Cobain si decreta la morte degli anni d’oro del movimento.

grunge-vs-image-2.pngPearl Jam, Nirvana, Soundgarden e Alice In Chains

Massimiliano Buttaro

 

1 ”Nevermind” 1992
2 ”In Utero” 1993

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: